L’Italia ha elaborato un’anagrafe digitale nazionale per fini di sorveglianza (IDANPR) (di Francesco Paolo Cinquemani)*

Per spiegare cosa sia l’IDANPR bisogna tornare indietro nel tempo, fino al 2005 quando è stato istituito il CAD, ossia acronimo di Codice di Amministrazione Digitale, istituito con il decreto legislativo 7 Marzo 2005 n.82, è un testo unico che riunisce e organizza le norme riguardanti l’informatizzazione della Pubblica Amministrazione nei rapporti con i cittadini e le imprese. Tale decreto è stato modificato più volte nel corso degli anni, nel 2016 e nel 2017, e le ultime modifiche sono state apportate proprio dal Decreto Legge 76 del 2020, c.d. Decreto “Semplificazioni”,…

Leggi

C40 CITIES: Cosa nasconde davvero il programma di riduzione dei gas serra e cambiamenti climatici (di Francesco Paolo Cinquemani)*

Iniziamo richiamando l’attenzione sugli l’obiettivi dell’agenda Davos 2030 ancora in corsa, in ordine alla digitalizzazione e alle Smart City. Le C40 ci vengono presentate come una rete globale di grandi città che operano per sviluppare e implementare politiche e programmi volti alla riduzione dell’emissione di gas serra e dei danni e dei rischi ambientali causati dai cambiamenti climatici. Il progetto C40 è un processo iniziato nel 2005 dall’allora sindaco di Londra Ken Livingstone, che convocò i rappresentanti di 18 metropoli per proporre un accordo di cooperazione per la riduzione delle emissioni…

Leggi

È davvero obbligatoria la carta d’identità elettronica (CIE)? (di Francesco Paolo Cinquemani)*

Correva l’anno 2011 quando Mario Monti affermava: “Non dobbiamo sorprenderci che l’Europa abbia bisogno di crisi, e di gravi crisi, per fare passi avanti. I passi avanti dell’Europa sono per definizione cessioni di parti delle sovranità nazionali a un livello comunitario. È chiaro che il potere politico, ma anche il senso di appartenenza dei cittadini a una collettività nazionale, possono essere pronti a queste cessioni solo quando il costo politico e psicologico del non farle diventa superiore al costo del farle perché c’è una crisi in atto, visibile, conclamata”. Cedere…

Leggi

Multe over-50 Capitolo 2: La proroga (di Francesco Paolo Cinquemani)*

Già in un precedente articolo che per comodità si riporta qui di seguito, si era già ampiamente discusso e spiegato sui motivi di nullità delle Multe Over-50, e come bisognava procedere. https://www.lapekoranera.it/2022/12/19/avvocato-cinquemani-inviate-le-multe-over-50-allindirizzo-salve/ Visto lo slittamento dei termini del pagamento delle multe comminate ai non inoculati, mi sono confrontato con il collega l’Avv. Bruno Botta e alla luce dei ricorsi presentati e accolti, e le sentenze di annullamento delle multe, che riporteremo alla fine dell’articolo, il nostro suggerimento non cambia e verrà rimarcato alla fine dell’articolo. L’Avv. Botta riferisce che si…

Leggi

L’ospedale può ancora chiedere il tampone o la mascherina? NO! ecco come comportarsi

Per rispondere alle molteplici richieste giunte da tutta Italia, è opportuno e doveroso informare le persone del comportamento da tenere, quando in ospedale o in altra struttura sanitaria, viene vietato l’accesso alle cure in assenza di tampone o mascherina. Chiunque necessiti accedere in ospedale deve sapere che: Il tampone non è obbligatorio, perché l’unica disposizione che prevedeva il tampone ma, solo perché era funzionale all’ottenimento del green pass, era prevista dall’art. 2Bis del D.L. 52/2021 convertito dalla legge 87/2021, tale articolo è stato ABROGATO dal D.L. 162/2022 convertito con modificazioni…

Leggi

Ordinanza Mascherina del 28 aprile 2023 priva di efficacia

Il Ministro della Salute Prof. Orazio Schillaci, ha emesso in data 28 aprile del 2023 l’ordinanza identificata in (GU n.100 29-4-2023), disponendo: “Per le motivazioni in premessa, è fatto obbligo di indossare dispositivi di protezione delle vie respiratorie ai lavoratori, agli utenti e ai visitatori delle strutture sanitarie all’interno dei reparti che ospitano pazienti fragili, anziani o immunodepressi, specialmente se ad alta intensità di cura, identificati dalle direzioni sanitarie delle strutture sanitarie stesse. L’obbligo è esteso ai lavoratori, agli utenti e ai visitatori delle strutture socio-sanitarie e socio-assistenziali, comprese le…

Leggi